sabato 23 febbraio 2013

Pasta lorda... la mia interpretazione


Amo cucinare per le persone che amo, e anche se capisco da me se un piatto mi è venuto bene o no, realmente quello che cerco è sempre la soddisfazione di mio marito e dei miei figli.
Solo che sappiamo tutti che quelli piccini normalmente mangiano minestrine, pasta al pesto, pasta rossa e focaccia o pane caldo... ed il mio non fa eccezione!
Quindi mi affanno per fare ricette che possano piacere anche a lui... ma normalmente le finiamo con piacere io, mio marito e mio figlio grande e lui torna alle sue certezze! Anche il mio grande era così, poi crescendo è diventato goloso ed adesso fa decisamente onore alla mia cucina. Però io sono testarda (o presuntuosa?) e ci continuo a provare.
Dato che il piccolo ama il brodo (quello di dado più del mio - ?!?) allora mi ha incuriosito questa pasta lorda che ho letto in giro, a partire dal bellissimo blog di Pane e Panna.
Quindi ho provato a farla, in linea con le mie idee del momento, farina integrale e pochissima carne.
Io non amo il brodo e quindi l'ho mangiata asciutta con un po' di olio, parmigiano e pepe e devo dire che l'ho trovata deliziosa. I miei l'hanno mangiata con il brodo e anche a loro è piaciuta moltissimo, il piccolo l'ha mangiata  perché è gentile, ma credo che le sue amate stelline le avrebbe gradite di più!
La parte divertente di questo piatto è che si tira a mano la pasta, quindi ti fa sentire tanto brava mamma emiliana ed evita inoltre di tirar fuori macchinette varie. Per come è fatta poi permette di non sprecare pasta senza doverla lavorare di nuovo.
Il ripieno è abbondante, con l'avanzo io fatto una delle focacce della sera e devo dire che ci stava davvero bene!

Per la pasta:

125 gr farina integrale
125 gr farina bianca
3 uova
1 pizzico di sale

Per il ripieno:

250 gr ricotta
100 gr (circa dovete andare all'assaggio) di formaggio Rodez che è una specie di grana più saporito, potete fare un mix tra grana e pecorino
1 uovo
nove moscata
paprica

Preparate la pasta, se avendo usato la farina integrale, non bastasse la parte umida aggiungete un goccio di acqua.

Lasciate riposare un attimo la pasta coperta ed intanto mischiate gli ingredienti per il ripieno assaggiando per regolare noce moscata e paprica, deve risultare saporito perché lo strato è sottilissimo quindi deve essere pieno di sapore.

A questo punto dividete l'impasto in due parti uguali e stendetene ciascuna con il mattarello, in una forma il più possibile simile, e sottile al massimo delle vostre possibilità muscolari!

Quindi su una sfoglia spalmate il ripieno facendone un velo omogeneo, coprite con l'altra sfoglia, schiacciate bene, magari con l'aiuto del mattarello ma senza far uscire la ricotta.
Quindi con la rotella zig zag della pasta ripassatene il contorno e poi tagliate tutta la pasta a strisce nelle due direzioni per ottenere i quadrotti della foto.
Separateli delicatamente e fateli cuocere nel brodo bollente.
Per i grandi una generosa macinata di pepe fresco ci sta davvero bene!
Buon appetito!



78 commenti:

  1. Che ricetta particolare, non ne avevo mai sentito parlare... adesso dovrò proprio provare!! :) Complimenti e buona giornata cara!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te, se la provi fammi sapere!

      Elimina
  2. Eh la sfoglia lorda...vicino alla nostra tradizione (abitiamo al confine con l'emilia). Noi riscuotiamo sempre grande successo con le mezze maniche (pasta ripiena aperta piacentina)...una delle prime ricette pubblicate se ricordo bene... che vagamente assomigliano come procedimento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado subito a cercare la ricetta! Un bacio

      Elimina
  3. Buona!!! Da provare per i miei piccoli divoratori...ma anche per noi grandi! Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fammi sapere come è andata con i piccoli! Un abbraccio

      Elimina
  4. Non avevo mai sentito questa pasta ma dev’essere davvero buona. In genere preferisco i primi asciutti ma in queste serate ancora fredde anche un bel brodo caldo non ci sta niente male. Baci, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti anche io li ho mangiati asciutti, ma sono buoni comunque. Un bacio

      Elimina
  5. Son più facili dei ravioli!!! visto che si spalma un velo di ripieno! Buonissimid avvero in brodo! buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. decisamente, molto più veloci! Un bacione

      Elimina
  6. Ciao, non conoscevo la "pasta lorda" e trovo che sia davvero particolare!!! Mi piace anche il ripieno che hai scelto!! Buona giornata,serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tradizione ha sempre sorprese bellissime, anche per me è stata una nuova scoperta! Un bacio

      Elimina
  7. L'idea di non star lì a fare mucchietti,mi rende questa ricetta ancora più simpatica!E poi non ci sono ritagli da rimpastare,insomma è proprio da provare,bravissima cara!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche e a me ha incuriosito per questo, è davvero veloce! Un bacione a te

      Elimina
  8. Buonissima questa pasta lorda, non la conoscevo! Me la segno! Se ti va puoi partecipare al mio Linky Party "La Cucina di una Volta" con una tua ricetta! A presto! Pamela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, vengo subito a vedere di cosa si tratta! Un bacio

      Elimina
  9. Mi sembra super-buona questa pasta lorda che sto vedendo spesso anche io :))))

    RispondiElimina
  10. Ma che bontà sta pasta lorda il nome non pare invitante ma il risultato invece lo è tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti come operazione di marketing non funziona tanto! Un bacio

      Elimina
  11. Ma quanto sei brava !!Meriti un premio solo per averla tirata a mano !!! Complimenti!!!A presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato molto divertente, la pasta è poca quindi la fatica affrontabile! Un bacio

      Elimina
  12. Che ricetta particolare!! Dev'essere veramente molto buona:)
    Un bacione e buona serata!

    RispondiElimina
  13. interessantissima questa pasta! vedrai che presto anche il piccolo si abituerà alle tue prelibatezze :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so basta aspettare... Però io ci provo... Un bacione

      Elimina
  14. Non so se riuscirò a trovare il formaggio indicato, ma voglio provare a fare questa pasta ripiena. Grazie per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Rodez è un formaggio di origine francese che però stranamente è molto comune in Puglia. Ha il colore del friulano si grattugia ed è molto saporito. Io lo uso abitualmente al posto del grana perchè ci piace e costa un terzo! Fammi sapere, un bacio

      Elimina
  15. Non avevo mai visto questo tipo di pasta. E' veramente molto interessante e da provare! E anche senza brodo deve essere gustosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti senza brodo è molto buona anche perchè tra farina integrale e uova rimane molto sostenuta ed io amo la pasta non molle. Un bacio

      Elimina
  16. wow oltre a essere bellissima deve essere saporitissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, per questo è meglio mettere un formaggio gustoso, altrimenti si perde nella pasta. Un abbraccio!

      Elimina
  17. non la conoscevo, dev'essere buonissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti ispiri! Un bacio

      Elimina
  18. Che buona, mi ispira molto questa pasta ripiena, proverò questa tua ricetta! Un bacio!

    RispondiElimina
  19. Con i miei due figli è uguali! Mi pareva di leggere di casa mia! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male... Stasera andiamo di pastina in brodo, stelline e dado, almeno è contento! Un bacione

      Elimina
  20. Hola Simonetta. Questa pasta ripiena dev`essere molto buona e molto gustosa.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola! Sono contenta che ti piaccia! Un bacio

      Elimina
  21. Non la conoscevo questa pasta lorda... mi sembra abbastanza semplice, te la copierò senz'altro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero semplice, molto veloce e intanto fai la pasta fresca! Un bacio

      Elimina
  22. Che bella questa pasta! Grazie di esserti unita alla popolazione del castello! Hai un bellissimo blog, con tante bellissime ricette... ti seguo molto volentieri! Un bascio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara, è un piacere! Un bacio

      Elimina
  23. Vaiii di past anche tu...però mooolto meglio della mia, la tiri anche a mano! :) che nome curioso, non l'avevo mai sentito...e il ripieno formaggioso si può usare per mille altre preparazioni, come hai fatto per le focacce! Bellissima ricetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amo fare la pasta fresca, mi sa tanto di festa in famiglia! Un bacione

      Elimina
  24. Un piatto lo gradirei molto volentieri, ma senza pepe grazie :))
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando vuoi... anche per i miei bimbi senza pepe! Un bacione

      Elimina
  25. molto bello afre la pasta in casa, dopo il pane prima o poi ci arriverò!! intanto assaggio la tua!! buona!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci fa sentire tanto mamme perfette!!! ma in effetti a me diverte tanto! un bacione

      Elimina
  26. Carissima, mi hai ricordato questa favolosa pasta, assolutamente un piatto della tradizione povera dove il ripieno non era così generoso come in un tortellino, ma che comunque il sapore finale era di grandissima soddisfazione.
    Sicuramente la farò molto presto, prima che passi il freddo. Eì un piatto meraviglioso.
    Un bel bacione,
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tradizione povera secondo me è una fonte inesauribile di ricette deliziose. Un bacio

      Elimina
  27. che belle le tue parole all'incipit.. che concordo in pieno:)
    e sei stata bravissima e fare questi raviolini (io li chiamo cosi). sono proprio fatti con il cuore.
    mi segno la ricetta perchè come tuo figlio io AMO IL BRODO.
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche mio figlio grande mi ha detto che sono simili ai ravioli ma si fanno molto più velocemente. In effetti! Un bacione

      Elimina
  28. Pensa che le azdore romagnole (le casalinghe di una volta) si sono inventate questa pasta proprio per finire il ripieno che gli avanzava dalla preparazione dei cappelletti. La tradizione vuole che sia una sfoglia sporcata (lorda appunto) con l'avanzo di ripieno e poi cotta in brodo..A te è venuta benissimo! BRava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello scoprire l'origine dei nomi di questi piatti della tradizione. Grazie mille cara. Un bacione

      Elimina
  29. perfette! qua in Romagna sono una tradizione e molto buona!
    ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per la pasta siete assolutamente maestri! Un bacione

      Elimina
  30. mi consoli, la mia piccola ancora soddisfazioni non me ne da.....
    anch'io vivo la cucina come te, come prendersi cura e far felici le persone che amo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arriva... con calma ma arriva, ieri sera il mio grande ha mangiato 4 porzioni di riso porri e gorgonzola (aveva anche salatato pranzo!) mentre il piccolo ha faticato a finirne 2 cucchiaiate. Un bacione

      Elimina
  31. La sfoglia lorda dovrebbe essere emiliana... ma io pur essendo di piacenza da me non si fa!!comunque sembra molto buona!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma pensa, magari si fa qualcosa di simile con un altro nome. Un bacione

      Elimina
  32. non la conoscevo, deve essere buonissima !

    RispondiElimina
  33. WOW! Ma che meraviglia questa pasta! Direi che è proprio da provare! :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  34. Ecco ho imparato due cose qui ! Questa pasta e un formaggio che non conoscevo!!!!
    A me la pasta piace sia in brodo che in bianco e questa mi piace molto !!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  35. è una grande bella idea il gusto è anche un processo di apprendimento e piano piano il sapore si apre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anch'io, infatti io insisto ma senza obbligare.. Prima o poi! Un bacione

      Elimina
  36. Che ricetta interessante! ^_^ Mi piace moltissimo la tua interpretazione :)
    Che fameee!
    Un abbraccio
    Incoronata.

    RispondiElimina
  37. Sai che ti dico Alessandra? Questa ricetta rientra anche nei miei gusti attuali e l'aggiunta dell'integrale mi piace molto! Felice Domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente provo ad inserire l'integrale nella ricette a piccole dosi per abituare i miei ometti... Un bacione!

      Elimina
  38. Mi piacerebbe farla uno di questi giorni, mi piace il ripieno di ricotta,
    Sei stata proprio brava.

    RispondiElimina

Ogni vostra considerazione consiglio e critica sarà molto gradita. Un abbraccio!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...